News

Sequestro Barbara Piattelli/ 343 giorni d’inferno “Vittima di mafia mai riconosciuta”

Barbara Piattelli: chi è, il suo sequestro

Per la serie “Racconti criminali”, nella seconda serata di oggi 23 giugno su Rai3 sarà dedicato ampio spazio alla vicenda di Barbara Piattelli, figlia del noto stilista, protagonista dello speciale “343 giorni all’inferno: Sequestro Barbara Piattelli”. Tutto ha inizio 40 anni fa, il 10  gennaio 1980 quando a Roma la bellissima figlia del noto e prestigioso sarto di moda e del cinema italiano venne rapita sotto lo sguardo interdetto della madre, mentre rincasava dopo una giornata di lavoro. Quella sera la giovane Barbara aveva dei programmi del tutto differenti ma che, ovviamente, andarono a monte.

All’epoca dei fatti Barbara Piattelli era fidanzata con l’uomo che sarebbe diventato in seguito suo marito, Ariel Arbib. La coppia aveva intenzione di andare a teatro ad assistere al debutto del giovane Carlo Verdone in Senti chi parla. Il fidanzato la attendeva invano proprio davanti al Piccolo Eliseo mentre continuava a chiamare il fratello di Barbara, Massimiliano, che dal canto suo era ignaro di ciò che stava accadendo nel garage di casa.

Il sequestro di Barbara Piattelli: il racconto della prigionia

Quello di Barbara Piattelli, come rammenta Repubblica.it, fu uno dei sequestri a scopo di estorsione più lunghi subito da una donna. La giovane fu trascinata a forza su una berlina di colore scuro mentre la madre è riversa per terra nel garage. I sequestratori le fecero indossare un casco da moto infilato al contrario. L’ultima immagine di Barbara fu proprio la visione della madre, con una pistola puntata alla tempia. Da quel momento ebbe inizio un lungo viaggio da bendata che l’avrebbe portata – come appreso solo nei mesi seguenti – in Aspromonte, in una grotta sperduta dove vi rimase per 343 interminabili giorni fatti di catene, dolori e spostamenti continui da un covo ad un altro. “Erano giornate senza fine, delle quali mi è rimasto ancora il freddo addosso. Mi viene chiesto spesso come sia riuscita a sopportare tutto quel dolore. Ma quando ti trovi in situazioni estreme, l’istinto di sopravvivenza ti dà il coraggio anche di resistere in condizioni disumane”, raccontò diversi anni più tardi.

I suoi sequestratori le davano da mangiare pasti freddi, ma Barbara Piattelli non sentì mai una mano femminile dietro a quei gesti. “Ebbi anche un’infezione alimentare che mi fece venire l’ittero”, svelò. Solo grazie alla radio e a dei giornali locali che le furono concessi raramente comprese di essere in Calabria. Ad un mese dal suo sequestro, la giovane tentò persino la fuga. Dopo aver chiesto al suo carceriere di potersi appartare per andare in bagno, riuscì a risalire la montagna, ma la sua fuga durò giusto un attimo poiché uno dei banditi la riportò rapidamente nella grotta. “E Pippo, il più violento di tutti, mi mise addirittura le catene per evitare che fuggissi. Per fortuna per un breve periodo”, ha ricordato Barbara a Repubblica. A proposito dei banditi, la donna li ricorda come “rozzi, ignoranti e non mi aggiornavano sul corso delle trattative. Dicevano soltanto che mio padre non voleva pagare, ma io sapevo che non era così, sapevo che avrebbe fatto di tutto per riportarmi a casa”.

Mai riconosciuta vittima di mafia

Nei primi giorni di prigionia, a Barbara Piattelli fu chiesto il nome di un pianeta e lei riferì Saturno. Quello divenne il nome con il quale il rapitore si identificava quando telefonava alla famiglia della ragazza. Il padre Bruno Piattelli si è sempre rammaricato di una cosa: l’assenza di giustizia. “Non siamo riusciti a ottenere giustizia, nessuna condanna, nessuno che abbia mai pagato. E la beffa più amara è che lo Stato non abbia trovato il modo di correggere il regime fiscale per evitare che sui soldi che ci furono prestati dalle banche, circa un miliardo di lire, fossimo costretti addirittura a pagare anche le tasse”, commentò.

La storia ha fortunatamente avuto un lieto fine ma anche Barbara Piattelli, che oggi è nonna, si porterà per sempre dietro un grande dolore: “Il mio è un sequestro messo in atto da una banda criminale legata alla ‘ndrangheta e dunque alla mafia. Io non sono stata riconosciuta vittima delle mafie. Prerogativa che spetta quando ci sono delle condanne, quindi non nel mio caso perché nessuno è stato condannato. Condizione che viene riconosciuta anche a chi riporta lesioni fisiche. Ma non è forse sufficiente la ferita dell’anima?”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Reference-www.ilsussidiario.net

About the author

admin

Pioneer Jury is a qualified writer and a blogger, who loves to dabble with and write about technology. While focusing on and writing on tech topics, his varied skills and experience enable him to write on any topic related to tech which may interest him. [email protected]

Add Comment

Click here to post a comment