News

Quali sono le differenze tra crimini guerra e genocidio

AGI – Per il presidente Usa Joe Biden, in Ucraina le truppe russe stanno commettendo un genocidio e la stessa accusa nei confronti di Vladimir Putin è stata mossa dal presidente ucraino Volodymyr Zelensky. Da notare che il presidente francese Emmanuel Macron ha evitato invece di parlare di genocidio, perché ritiene che un’escalation verbale non contribuisca all’obiettivo di fermare la guerra e cercare la pace, ma ha insistito sul fatto che l’esercito russo ha commesso “crimini di guerra”.

L’organismo competente per giudicare queste categorie di crimini è la Corte internazionale di giustizia (Icc/Cpi), con sede all’Aja. Né la Russia né l’Ucraina ne fanno parte, tuttavia Kiev ha accettato la giurisdizione della Corte per i crimini commessi sul suo territorio a partire dall’invasione russa della Crimea, nel 2014.

È sulla base di questo ‘via libera’ che il 3 marzo la Cpi ha aperto un’indagine su sospetti crimini di guerra compiuti in Ucraina. Ecco qual p la differenza tra le varie categorie che rientrano nelle competenze della Cpi, ovvero crimini di guerra, crimini contro l’umanità e genocidio. Di recente p stata inoltre istituita una nuova categoria: il crimine di aggressione.

Crimine di guerra

I crimini di guerra sono gravi violazioni del diritto internazionale contro civili e combattenti durante i conflitti armati. I parametri per individuare ciò che costituisce un crimine di guerra sono individuati dall’articolo 8 dello Statuto di Roma del 1998, che ha istituito la Cpi: si tratta di “gravi violazioni” delle Convenzioni di Ginevra del 1949, ovvero oltre 50 ipotesi di reato, tra le quali uccisioni, torture, stupri e presa di ostaggi, nonché attacchi a missioni umanitarie. L’articolo 8 riguarda anche gli attacchi deliberati contro civili o “città, villaggi, abitazioni, edifici che sono indifesi e che non sono obiettivi militari” nonché la “deportazione o trasferimento di tutta o parte della popolazione” di un territorio occupato. Le autorità ucraine affermano di aver finora ricevuto 5.600 denunce di presunti crimini di guerra da parte delle forze russe dall’inizio dell’invasione il 24 febbraio.

Crimine contro l’umanità 

La nozione di tale reato è stata formulata per la prima volta l’8 agosto 1945 e codificata nell’articolo 7 dello Statuto di Roma. Implica “un attacco diffuso o sistematico diretto contro qualsiasi popolazione civile“, inclusi “omicidio” e “sterminio”, nonché la “riduzione in schiavitù” e la “deportazione o il trasferimento forzato”. I crimini contro l’umanità possono verificarsi in tempo di pace e includono torture, stupri e discriminazioni, siano esse razziali, etniche, culturali, religiose o di genere.

Genocidio

Il genocidio come concetto legale risale ai processi di Norimberga contro i criminali di guerra nazisti. Il termine è stato coniato dall’avvocato ebreo polacco Raphael Lemkin per descrivere lo sterminio nazista di sei milioni di ebrei. Il reato di genocidio è stato formalmente creato nella Convenzione sul genocidio del 1948 per descrivere “atti commessi con l’intento di distruggere, in tutto o in parte, un gruppo nazionale, etnico, razziale o religioso”. Il genocidio è un “crimine internazionale molto specifico” che è difficile da provare, ha precisato Cecily Rose, professoressa di diritto internazionale all’Università di Leiden nei Paesi Bassi, perché richiede la prova della “motivazione mentale” dietro di esso. Tra i crimini riconosciuti come genocidio c’è quello commesso nel 1994 in Ruanda ai danni dei tutsi e degli hutu moderati.

Crimine di aggressione 

Nel 2017 la Cpi ha aggiunto il crimine di aggressione al suo mandato che riguarda gli attacchi alla “sovranità, integrità territoriale o indipendenza politica” di un altro Paese. Il reato mira a garantire che i leader politici e militari siano ritenuti responsabili delle invasioni, ma non può essere utilizzato contro le decine di membri della Cpi che non hanno riconosciuto la giurisdizione del tribunale, né contro i non membri. I giuristi ritengono che invocare questo crimine nei confronti del presidente russo potrebbe richiedere l’istituzione di un tribunale speciale per l’Ucraina. 

Reference-www.agi.it

About the author

admin

Pioneer Jury is a qualified writer and a blogger, who loves to dabble with and write about technology. While focusing on and writing on tech topics, his varied skills and experience enable him to write on any topic related to tech which may interest him. [email protected]

Add Comment

Click here to post a comment