News

NBA 2022, i risultati della notte (21 marzo): LeBron trascina i Lakers con una tripla doppia. Successi per Bulls, 76ers e Nets

Altra lunga notte in NBA, dove si sono disputate nove sfide con risultati interessanti e prestazioni di altissimo livello. Facciamo quindi un bel riepilogo di quanto accaduto stanotte oltreoceano.

Vincono in casa i Charlotte Hornets (37-35) sui New Orleans Pelicans (30-42) per 106-103. Sono però gli ospiti a fare la partita, prendendo la testa e conservandola ben oltre la ripresa (78-84 alla terza sirena). Nell’ultima frazione Charlotte si scatena e piazza il sorpasso decisivo nei minuti finali, andando così a vincere con un solo possesso pieno di margine. Doppia doppia per Mason Plumlee con 11 punti e 10 rimbalzi, insieme ai 17 per Terry Rozier e Lonzo Ball. Ai Pelicans non bastano la doppia doppia di Jonas Valanciunas (24 e 18 rimbalzi) e i 27 di CJ McCollum.

Successo di rabbia per i Los Angeles Lakers (30-41) in trasferta contro i Cleveland Cavaliers (41-31) col punteggio di 120-131. La franchigia dell’Ohio vola a +7 dopo il primo quarto (35-28), con i californiani che replicano nella frazione successiva chiudendo sul +5 all’intervallo lungo (62-67). Nel terzo quarto Cleveland opera il controsorpasso andando sopra di un solo punto alla terza sirena (97-96), ma i Lakers non si arrendono e piazzano la zampata decisiva nei 12’ finali, prendendo un buon margine e vincendo con undici punti di scarto. Autentico mattatore della serata LeBron James con una tripla doppia da 38, 11 rimbalzi e 12 assist. Doppia doppia per Russell Westrbrook (20 e 11 assist) e 20 per D.J. Augustin. Per i Cavaliers, invece, doppia doppia di Darius Garland (29 e 17 assist) e 18 di Lauri Markkanen.

Affermazione esterna anche per i Portland Trail Blazers (27-44), che battono a domicilio i Detroit Pistons (19-53) per 115-119. Break in apertura degli ospiti (22-29), con Detroit che non riesce a contenere lo strapotere in attacco della squadra dell’Oregon: all’intervallo lungo Portland è avanti di ben quindici lunghezze (52-67). Nel terzo quarto i Trail Blazers gestiscono il vantaggio, con i Pistons che tentano l’ultima disperata rimonta nella frazione conclusiva, fermandosi però al -4 finale. Brandon Williams firma 23 punti, mentre Ben McLemore ne segna 21. Ai padroni di casa non sono sufficienti i 25 di Cade Cunningham e di Saddiq Bey.

Rialzano la testa i Philadelphia 76ers (44-27), che sconfiggono in casa i primi in classifica ad Est, i Miami Heat (47-25) per 113-106. È però la franchigia della Florida ad andare per prima in vantaggio (26-32), con i 76ers che ricuciono lo strappo nel secondo quarto e vanno sul +1 alla seconda sirena (57-56). Al rientro dagli spogliatoi Miami riesce a rimettere la testa davanti, ma Philadelphia è presente e risponde immediatamente: dopo 36’ il punteggio recita 80-78. Nell’ultima frazione gli Heat tentano ancora una volta l’allungo, ma i padroni di casa non si scompongono e sorpassano nuovamente gli ospiti, piazzando così il break decisivo per aggiudicarsi la sfida. Tyrese Maxey mette a referto ben 28 punti, insieme ai 20 segnati da Shake Milton. Miglior realizzatore per Miami, invece, Jimmy Butler con 27. Sfiora la doppia doppia Bam Adebayo con 22 e 9 rimbalzi.

Successo casalingo anche per i Brooklyn Nets (38-34) sugli Utah Jazz (45-27) col punteggio di 114-106. Primo tempo equilibrato, con nessuna delle due squadre che riesce a prendere il largo: all’intervallo lungo, infatti, Brooklyn è avanti di due sole lunghezze (53-51). Nel terzo quarto i Nets innestano però le marce alte, aumentando notevolmente l’intensità del gioco e volano a +16 dopo 36’ (91-75). I Jazz rimangono al palo, provando un’ultima reazione nella frazione conclusiva senza però riuscire ad impensierire abbastanza i padroni di casa, che vanno a vincere con otto punti di margine. Flirta con la tripla doppia Kevin Durant (37, 9 rimbalzi e 8 assist), mentre per Utah il top scorer è Donovan Mitchell con 30.

Vittoria anche per i Chicago Bulls (42-29), che allo United Center sconfiggono i Toronto Raptors (40-32) per 113-99. Match subito in discesa per i padroni di casa (30-24), con i canadesi che reagiscono nel secondo quarto e prendono il comando della partita: all’intervallo lungo Raptors sopra di una sola lunghezza (54-55). Pronta replica nel terzo quarto della squadra dell’Illinois, che vola a +11 (84-73) e ritocca il massimo vantaggio nell’ultima frazione sul +20 (106-86) conservando un buon margine fino alla sirena finale. Zach LaVine e DeMar DeRozan trascinano Chicago con 26 punti ciascuno, insieme alla doppia doppia di Nikola Vucevic (19 e 13 rimbalzi). Top scorer dei Raptors Pascal Siakam con 22, mentre Fred VanVleet chiude con 19.

Successo casalingo per gli Houston Rockets (18-54) sui Washington Wizards (30-41) per 115-97. Gli ospiti sembrano indirizzare nel verso giusto la partita con un 26-39 nel primo quarto, mantenendo la doppia cifra di vantaggio alla seconda sirena (51-63). I padroni di casa escono bene dagli spogliatoi e ricuciono fino al -3 dopo 36′ (80-83), mettendo poi la freccia nell’ultima frazione ed incrementando il margine fino al +18 finale con cui fanno esultare il proprio pubblico in tribuna. Prestazione monstre di Christian Wood con 39 e 10 rimbalzi, mentre ai Wizards non basta la doppia doppia di Kristaps Porzingis (22 e 13 rimbalzi).

Colpo esterno dei Boston Celtics (45-28) in casa degli Oklahoma City Thunder (20-52) col punteggio di 123-132. I biancoverdi partono subito forte, con un primo quarto da 21-38 che indirizza la partita decisamente sui binari giusti. Oklahoma sembra non riuscire a colmare l’enorme solco scavato dagli ospiti, i quali non alzano il piede dall’acceleratore e continuano a spingere toccando anche il +24 alla terza sirena (84-108). Solo nei minuti conclusivi i Thunder provano a reagire per rendere meno pesante il passivo, riuscendo a chiudere sotto la doppia cifra di svantaggio senza però avvicinarsi quel tanto che basta per provare a ribaltare la partita in proprio favore. Jason Tatum mette a segno 36 punti, mentre Jayley Brown ne realizza 25. Doppia doppia per Grant Williams (20 e 10 rimbalzi). Per i Thunder, invece, 35 per Terrance Mann e 31 per Shai Gilgeous-Alexander.

Nel match che chiudeva la notte NBA i Dallas Mavericks (44-28) battono di fronte al proprio pubblico i Minnesota Timberwolves (42-31) per 110-108. Gli ospiti mettono la freccia nel primo quarto (23-29), ma i texani replicano nella frazione successiva con un parziale da 37-25 che consente loro di operare il sorpasso andando a +6 (60-54). Nel terzo quarto i padroni di casa toccano anche la doppia cifra di vantaggio, mantenendo un buon margine di sicurezza sui Timberwolves (86-81 alla terza sirena). Nell’ultima frazione Minnesota riesce prima ad avvicinarsi e poi a mettere il naso avanti (100-103), ma i Mavs non si scompongono e reagiscono nei minuti conclusivi piazzando la zampata decisiva per aggiudicarsi in volata la sfida. Dwight Powell è il miglior realizzatore di Dallas con 22 punti, insieme ai 20 di Spencer Dinwiddie ed alla doppia doppia di Luka Doncic (15 e 19 assist). A Minnesota non bastano i 22 di Karl-Anthony Towns ed i 19 di Anthony Edwards.

I RISULTATI DELLA NOTTE NBA

Charlotte Hornets-New Orleans Pelicans 106-103

Cleveland Cavaliers-Los Angeles Lakers 120-131

Detroit Pistons-Portland Trail Blazers 115-119

Philadelphia 76ers-Miami Heat 113-106

Brooklyn Nets-Utah Jazz 114-106

Chicago Bulls-Toronto Raptors 113-99

Houston Rockets-Washington Wizards 115-97

Oklahoma City Thunder-Boston Celtics 123-132

Dallas Mavericks-Minnesota Timberwolves 110-108

Foto: LaPresse

Reference-www.oasport.it

About the author

admin

Pioneer Jury is a qualified writer and a blogger, who loves to dabble with and write about technology. While focusing on and writing on tech topics, his varied skills and experience enable him to write on any topic related to tech which may interest him. [email protected]

Add Comment

Click here to post a comment