News

Il mistero della ricchezza di Putin: tre teorie su come il presidente russo ha costruito il suo patrimonio

Questo articolo è apparso su Forbes.com a firma di Forbes Wealth Team

Dopo il riconoscimento delle Repubbliche separatiste ucraine di Lugansk e Donetsk e la conseguente invasione dell’Ucraina, la Ue si appresta a varare nuove sanzioni contro Mosca. E mentre anche il presidente degli Stati Uniti Joe Biden prende in considerazione misure sempre più aspre che potrebbero minare la ricchezza personale del presidente russo, emerge nuovamente la fatidica domanda. Quanto è grande la fortuna di Vladimir Putin? E in che modo, in qualità di funzionario pubblico, l’ha accumulata nel corso degli anni?

Forbes si confronta con questo mistero da venti anni. Capire il patrimonio netto di Putin è probabilmente l’enigma più sfuggevole nella storia del magazine. Più difficile di quello relativo agli eredi, ad altri capi di stato e persino di quello dei signori della droga. Scoprire la ricchezza privata è qualcosa che prendiamo molto sul serio, soprattutto in Russia. L’editore fondatore di Forbes Russia, Paul Klebnikov, ha rischiato la vita per questa causa. È stato fucilato per le strade di Mosca nel 2004 mentre indagava sulle sorti dei primi oligarchi della Russia.

Dunque a quanto ammonta la ricchezza che Biden e l’Ue minacciano di sanzionare per l’invasione russa in Ucraina? Non lo sappiamo con certezza. Tuttavia nel corso degli anni, basandoci su fonti e competenze, abbiamo sviluppato alcune teorie.

TEORIA UNO: IL MODELLO KHODORKOVSKY

Il viaggio di Forbes è iniziato con una ricerca sui miliardari russi, iniziata nel 1997, e una storia di copertina su Klebnikov pubblicata nel 2002 in cui veniva profilato un oligarca russo in ascesa di nome Mikhail Khodorkovsky. A quel tempo, la sua compagnia, la Yukos, rappresentava il 17% della produzione petrolifera russa. E la sua influenza era significativa al Cremlino. Il suo patrimonio valeva 3,7 miliardi di dollari ed era l’uomo più ricco della Russia. Uno dei suoi ex dipendenti era un tempo ministro del carburante e dell’energia. Un altro era l’allora vice capo di stato maggiore di Putin. La fortuna di Khodorkovsky raddoppiò nel corso dell’anno successivo. Nell’ottobre 2003 era in carcere, condannato per frode ed evasione fiscale (che ha negato).

Non c’erano dubbi sul fatto che ci fosse Putin dietro il suo arresto, il congelamento della sua fortuna e l’eventuale scioglimento della sua compagnia. Il destino di Khodorkovsky fu una potente lezione per gli altri oligarchi russi. Eppure la domanda rimane: quanta della fortuna di Khodorkovsky Putin ha fatto sua?

Una persona che segue questa storia da anni, Bill Browder, un finanziere americano che ha condotto molti affari in Russia e che segue da vicino le leggi Magnitsky, che consentono ai governi di imporre sanzioni mirate ai trasgressori dei diritti umani congelando i loro beni, insiste sul fatto che Putin, dopo l’arresto di Khodorkovsky, abbia stretto un accordo con i principali oligarchi del Paese.

“L’accordo era: ‘Dammi il 50% della tua ricchezza e ti lascerò tenere l’altro 50%’”, afferma Browder. “Se non lo fai, prenderà il 100% della tua ricchezza e ti getterà in prigione”.

Sulla base di questa matematica, Browder ha calcolato nel 2017 che il patrimonio di Putin valesse 200 miliardi di dollari. Cifra che lo avrebbe reso la persona più ricca del mondo in quel momento. Il calcolo di Browder era semplice: sommava i patrimoni netti di tutti gli oligarchi russi e li divideva per due.

Pyotr Aven, che dirige la più grande banca del settore privato russo, e che secondo Forbes ha un patrimonio da 4,8 miliardi di dollari, ha dato credito a questa teoria quando ha detto a Robert Mueller, all’interno della sua indagine sull’interferenza elettorale del 2016, di essere uno dei 50 uomini d’affari russi che si incontrano regolarmente con Putin al Cremlino. “Aven ha detto di aver preso sul serio questi incontri e di aver capito che tutti i suggerimenti o le critiche che Putin ha fatto durante questi incontri erano direttive implicite e che ci sarebbero state conseguenze per Aven stesso se non le avesse rispettate”, si legge nel rapporto Mueller.

TEORIA 2: IL MODELLO MAFIA

Un altro scenario è che la fortuna di Putin derivi dal fatto di aiutare la sua cerchia ristretta di amici e familiari a diventare ricca assegnando loro contratti governativi o proprietà di imprese. In cambio, secondo questa teoria, riceverebbe tangenti in contanti o partecipazioni nelle società. In un certo senso, suona come una struttura mafiosa, per cui soldati e capi (in questo caso miliardari) sono in perenne debito con il capo (Putin). Loro fanno il lavoro sporco, lui prende la sua percentuale.

Secondo l’economista svedese Anders Aslund, autore del libro del 2019 Russia’s Crony Capitalism, Putin ha reclutato familiari, amici d’infanzia, guardie del corpo e tanti altri per gestire le sue ricchezze. Stima che ogni persona possegga tra 500 milioni e 2 miliardi di dollari e che il suo patrimonio netto sia compreso tra i 100 miliardi e 130 miliardi di dollari.

Tra gli amici di Putin che sono diventati estremamente ricchi c’è il suo ex sparring partner di judo, Arkady Rotenberg, con il quale gioca ancora a hockey su ghiaccio. Rotenberg ha ricevuto più di 7 miliardi di dollari in vari contratti statali in vista delle Olimpiadi di Sochi, stanziati per qualunque tipo di investimento, da una centrale elettrica allo sviluppo di stazioni sciistiche. Più recentemente, Rotenberg – anche il cui fratello Boris e il figlio Igor sono miliardari – si è definito il proprietario di un enorme complesso di edifici sulla costa del Mar Nero, che il leader dell’opposizione russa Alexei Navalny ha chiamato “il palazzo di Putin”.

Poi c’è Kirill Shamalov, l’ex genero di Putin. Figlio dell’amico di lunga data di Putin, Shamalov ha iniziato a trarre vantaggio dai suoi legami familiari quando è diventato consigliere capo del dipartimento legale della Gazprombank, una delle più grandi istituzioni finanziarie russe. Ma le porte gli si sono aperte quando, secondo quanto riferito, ha sposato la figlia di Putin in un matrimonio segreto – anche se le persone sono riluttanti a confermare questo fatto. Subito dopo, Shamalov ha acquistato una partecipazione del 17% in Sibur da un altro amico di Putin, Gennady Timchenko, dopo aver preso in prestito i fondi dalla Gazprombank, un’istituzione che secondo Aslund è responsabile di due terzi della ricchezza di Putin. Divenne miliardario all’età di 34 anni, tre anni dopo il matrimonio. Il matrimonio, tuttavia, è stato sciolto nel 2016 o nel 2017 e, secondo quanto riferito, Shamalov è stato privato della sua ricchezza e ha dovuto vendere la sua quota di Sibur.

Uno degli amici più cari di Putin, un violoncellista di nome Sergei Roldugin che ha stretto amicizia con il presidente russo da giovane a Leningrado e ha presentato Putin alla sua ora ex moglie, è stato citato nell’indagine dei Panama Papers del 2016 a causa dei suoi legami con una rete di società con flussi di cassa fino a 2 miliardi di dollari e un rapporto secondo cui risultava il proprietario di 100 milioni di dollari di asset. Roldugin ha detto al The Guardian che i soldi provenivano da donazioni di ricchi uomini d’affari per acquistare strumenti musicali per studenti poveri.

“Più diventi ricco, più diventi dipendente”, dice Aslund. “La ricchezza non ti dà la libertà, almeno in Russia. “Ci sono così tante cose che possono succedere quando hai troppi soldi”.

TEORIA 3: IL MODELLO BLUSTER

In breve, data la mancanza di prove contrarie, è possibile che Putin abbia pochi soldi. E che vuole che la gente lo pensi per trasmettere un messaggio di potere.

E questo teoria sarebbe anche vera, almeno sulla carta. La divulgazione finanziaria ufficiale di Putin, pubblicata ogni anno dal Cremlino, elenca il suo reddito del 2020 a circa 140.000 dollari. Gli unici beni che rivendica sono la proprietà di tre auto, una roulotte, un appartamento di 800 metri quadrati e un garage di 200 metri quadrati, più l’uso di un appartamento di 1.600 metri quadrati e due posti auto. Nessuna menzione della sua considerevole collezione di orologi da polso di lusso, o del “Palazzo di Putin” che presumibilmente possiede, per non parlare dell’enorme portafoglio di palazzi, yacht e aerei che usa in qualità di leader indiscusso della Russia.

Alcuni osservatori citano quei sontuosi “ornamenti” del potere statale come motivazioni per le quali Putin non abbia bisogno di ricchezza personale. “Ha l’intero paese a sua completa disposizione”, ha scritto Leonid Bershidsky, editorialista di Bloomberg Opinion nel 2013. “È sufficiente che Putin schiocchi le dita e le società statali cederanno beni ai suoi amici a prezzi stracciati. Un suo sussurro e ricchi uomini d’affari privati ​​interverranno per la sontuosa ristrutturazione di una residenza presidenziale. Alla fine Putin potrebbe non aver bisogno di soldi, purché dia l’apparenza di averli.

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it Iscriviti

Reference-forbes.it

About the author

admin

Pioneer Jury is a qualified writer and a blogger, who loves to dabble with and write about technology. While focusing on and writing on tech topics, his varied skills and experience enable him to write on any topic related to tech which may interest him. [email protected]

Add Comment

Click here to post a comment