News

Guerra Russia-Ucraina, le ultime notizie: la minaccia nucleare di Putin e l’inizio dei negoziati, oggi

di Francesco Battistini, Lorenzo Cremonesi, Andrea Nicastro, Paolo Foschi

Le news sulla guerra, in diretta: partono i colloqui fra le delegazioni di Mosca e Kiev, sullo sfondo c’ lo spettro della guerra nucleare evocata da Putin. Crollano le quotazioni del rublo, la Banca centrale russa alza i tassi a un livello senza precedenti

• Spiragli e minacce nucleari: sono i segnali contrastanti nella guerra tra Russia e Ucraina. Attesa per l’avvio dei colloqui fra Mosca e Kiev

, a Chernobyl: qui l’articolo dell’inviato Francesco Battistini

• Il presidente russo Vladimir Putin ha ordinato ieri la messa in stato di allerta del sistema di deterrenza nucleare, minacciando conseguenze come non se ne sono mai viste nella storia, in risposta all’inasprimento delle sanzioni

contro la Russia: qui Paolo Valentino spiega perch lo ha fatto
.
• L’offensiva militare russa sembra aver perso slancio, a causa della imprevista resistenza non solo delle truppe regolari ucraine, ma anche dei volontari che si sono arruolati per difendere le proprie citt.

• L’Italia ha annunciato l’invio di armi all’Ucraina e di uomini in Romania per rafforzare il fianco Est della Nato.
• I i mercati finanziari sono in forte tensione, mentre gli effetti delle sanzioni iniziano a colpire l’economia russa, con il rublo in caduta libera: qui l’analisi di Federico Fubini.

Le motivazioni della crisi
sono spiegate in
questo approfondimento

.

Ore 9.55 – Le richieste dell’Ucraina
La delegazione ucraina arrivata nell’area del confine ucraino-bielorusso per partecipare ai negoziati, secondo quanto riferito dalla presidenza ucraina. Le richieste di Kiev sono un immediato cessate il fuoco e il ritiro delle truppe russe.

Ore 9.45 – L’Italia dice agli italiani che vivono in Russia di lasciare il Paese

Il ministero deli Esteri italiano ha fatto appello agli italiani che si trovano in Russia perch lascino tempestivamente la federazione utilizzando i mezzi commerciali ancora disponibili.

Gli italiani in Russia sono circa 5000 – e sono residenti. Al momento starebbero tornando in Italia circa 500 persone, attraverso voli commerciali con scali in Paesi che non hanno chiuso i cieli agli aerei russi.

L’Unione Europea ha disposto la chiusura dello spazio aereo ai voli provenienti dalla Federazione Russa, dal 27 febbraio 2022. Ci comporta cancellazioni di voli e sospensione del traffico aereo tra la Federazione Russa e i Paesi dell’UE, inclusa l’Italia, sin dalla giornata del 27 febbraio, informa la Farnesina. In considerazione di questa misura e di possibili ulteriori restrizioni nelle prossime ore, si raccomanda fortemente ai connazionali presenti nel Paese a titolo temporaneo (turisti, studenti, persone in viaggio d’affari e simili) di organizzarsi tempestivamente per rientrare in Italia con i mezzi commerciali tuttora disponibili e di informarsi sui requisiti sanitari per il transito in Paesi esteri su questo sito e sui siti della rete diplomatico-consolare. In questo quadro, si raccomanda inoltre di posticipare tutti i viaggi verso la Federazione Russa.


Ore 9.30 – La Cina critica le sanzioni


La Cina non approva le sanzioni varate dall’Occidente contro la Russia dopo l’invasione dell’Ucraina. Il portavoce del ministero degli Esteri Wang Wenbin ha affermato che il Paese si sempre opposto a sanzioni unilaterali al di sopra del diritto internazionale; la Cina chiede a tutte le parti di dar prova di moderazione per evitare di esacerbare le tensioni Russia-Ucraina. Mosca e Pechino continuano ad avere normali relazioni commerciali; la Cina ha annunciato che per la prima volta, approver l’import di grano da tutte le aree della russia.

Ore 9.00 – Le Borse europee
Avvio di seduta in forte calo per Piazza Affari, la Borsa di Milano: l’indice Ftse Mib cede il 2,24%. Lo spread BTp/Bund sale a 164 punti base, dai 161 punti del riferimento di venerd. In ribasso anche Francoforte (-2,08%), Parigi (-1,95%), Londra (-1,05%).

Ore 8.50 – Cosa succede all’economia russa, ora

Rublo in caduta libera, code ai Bancomat in Russia, petrolio e oro in impennata, vendite a raffica sui titoli in portafoglio da parte dei risparmiatori. Dopo l’allerta nucleare ordinata da Vladimr Putin e le nuove sanzioni decise nel fine settimana contro la Russia — in particolare la presa di posizione comune europea sull’esclusione della Russia dal sistema di pagamenti Swift — si scatena il terremoto sui mercati. Qui l’articolo completo; qui la spiegazione di Federico Fubini sull’impatto delle sanzioni sull’economia russa.

Ore 8.39 – La Russia invita i civili a lasciare Kiev : no a scudi umani
La Russia, in un comunicato ufficiale, ha affermato di avere il controllo aereo di tutta l’Ucraina, e ha negato che ci siano blocchi per l’uscita della popolazione civile dalla capitale, Kiev. Gli abitanti possono lasciare la citt, ma le autorit ucraine usano i civili come scudi umani. Tutti i civili della citt possono lasciare liberamente la capitale ucraina attraverso l’autostrada Kiev-Vassylkiv.

Ore 8.30 – I negoziati partiranno tra due ore, dice la Russia

La delegazione ucraina attesa a Gomel, in Bielorussia, per l’avvio dei colloqui con Mosca tra un’ora e mezza o due ore. Lo annuncia il capo negoziatore russo citato dall’agenzia Tass.

Il ministero degli Esteri ucraino ha pubblicato la foto del tavolo negoziale – ancora vuoto.

Ore 8.25 – La Russia: Preso il controllo della centrale nucleare di Zaporizhzya

Il ministro della Difesa russo ha affermato di aver conquistato il controllo della centrale nucleare di Zaporizhzhya. Lo riporta l’agenzia di stampa russa Ria Novosti. Non ci sono conferme ufficiali da parte delle autorit ucraine.

Ore 8 – La Banca centrale russa rialza i tassi al 20%, il rublo crolla
In un altro segno tangibile dell’impatto delle sanzioni occidentali sull’economia e sull’assetto finanziario di Mosca, la Banca centrale della Russia ha alzato il tasso di riferimento di 10,5 punti, raggiungendo il livello – senza precedenti – del 20%, motivando la decisione con il drastico cambiamento delle condizioni esterne. L’aumento dei tassi si reso necessario per rendere pi attraenti i depositi.

Come ricordato poco pi sotto, dati pesanti si registrano sulle quotazioni del rublo, mentre la Borsa di Mosca aprir oggi in forte ritardo.

Intanto le nuove sanzioni alla Russia per la guerra in Ucraina ed i timori di una crisi energetica pesano sulle quotazioni del gas in Europa: ad Amsterdam il prezzo sale del 35,72%, a Londra si registra un aumento del 25,32%.

Ore 7.50 – Kiev: Mosca ha rallentato l’offensiva.
La Russia ha rallentato il ritmo dell’offensiva, secondo quanto afferma l’esercito ucraino in una nota ufficiale.

La capitale Kiev resta al momento sotto controllo ucraino; le attivit sono riprese dopo il lungo coprifuoco notturno, con la circolazione della metropolitana e degli altri mezzi pubblici, per quanto meno frequenti del solito, l’apertura dei negozi. Al momento, resta confermato un coprifuoco a partire dalle 10 di sera e fino alle 7 del mattino.

Ore 7.45 – Gli aiuti militari dell’Italia all’Ucraina
(Fiorenza Sarzanini) Missili Stinger antiaerei, missili Spike controcarro, mitragliatrici Browning, mitragliatrici Mg, munizioni: sono le armi che l’Italia invier in Ucraina. Il decreto del governo pronto, sar approvato questo pomeriggio. E la novit riguarda proprio il rapporto diretto con Kiev. Gli armamenti saranno ceduti alle autorit governative ucraine, come specificato nel provvedimento. La Nato dovr occuparsi soltanto della consegna logistica. Un segnale forte che arriva mentre i primi 1.350 militari sono pronti a partire per l’Ungheria e la Romania, cos come il materiale bellico. Una scelta fatta con il via libera dell’Unione Europea, dopo i colloqui del premier Mario Draghi con il presidente Volodymyr Zelensky, che ha convinto l’Italia ad essere tra i primi Stati dell’Ue a chiudere lo spazio aereo alla Russia. (Qui l’articolo completo)


Ore 7.30 – Si combatte a Mariupol

(Andrea Nicastro, da Mariupol) Scontri a Mariupol, tra truppe russe e difensori ucraini. Dalle sei del mattino la citt sotto un attacco ravvicinato. Il primo di questo genere in cinque giorni di guerra. Si sentono colpi di tank e di mitragliatrice pesante, ma anche spari di armi pi leggere, forse kalashnikov. I russi dispongono anche di supporto aereo, in almeno due occasioni ho potuto distinguere il volo dei caccia. Non sono in grado di dire se i russi siano entrati o meno in citt, n se ci siano vittime. Di sicuro c’ resistenza. (Qui il video).

Ore 7.15 – Il crollo del rublo, la Borsa di Mosca aprir con ore di ritardo
Il rublo crollato a causa delle nuove sanzioni contro la Russia (il cui effetto spiegato qui, nel dettaglio) , e cede gi quasi il 30% sul dollaro.

La Borsa di Mosca inizier le contrattazioni del mercato monetario con tre di ritardo, secondo quanto deciso dalla Banca Centrale Russa.

Le sanzioni aumentano la preoccupazione per gli effetti a catena.

Ore 7.05 – La strada strettissima dei negoziati
(Francesco Battistini, da Kiev) Oggi il giorno in cui Ucraina e Russia si incontreranno — a due passi da Chernobyl — per far partire i negoziati: una strada strettissima, scrive Francesco Battistini: La scelta del luogo sembra l’unica concessione ucraina, al momento. Perch nessuno vuole mollare nulla, dopo quattro giorni di guerra. E sul tavolo di questo negoziato disperato — apparecchiato da un arbitro per nulla imparziale, Lukashenko — non pu che esserci una specie di cessate il fuoco. Qualcosa che aiuti l’Ucraina a evacuare gli evacuabili. Qualcosa che serva alla Russia per fingere di fermarsi, magnanima, sulle soglie delle citt accerchiate. Non rinunceremo mai a un millimetro della nostra terra, avverte il ministro degli Esteri di Kiev, Dmytro Kuleba. Putin risponde a modo suo: da una parte ordina al responsabile della Difesa e al capo delle forze armate, il ministro Sergei Shoigu e il generale Valery Gerasimov, di trasferire le forze di deterrenza dell’esercito russo a una modalit speciale di servizio di combattimento (dal cremlinese: portatemi qui le valigette nucleari), dall’altra si mostra pronto a negoziare: su che? Qui l’articolo completo.

Ore 7.00 – Razzi nella notte su Chernihiv, colpito un asilo
Una pioggia di proiettili si abbattuta per tutta la notte sulla citt di Chernihiv, in Ucraina. L’assalto da parte dell’artiglieria russa iniziato attorno alle 2 di notte, stando a quanto riporta il servizio di emergenza statale ucraino. Alcuni razzi avrebbero colpito un asilo, provocando un incendio, oltre che un negozio in un mercato centrale e un condominio residenziale di cinque piani. Non si registrano vittime, il bilancio di una donna rimasta leggermente ferita.

Ore 6.52 – Russia, 5.814 persone arrestate per le manifestazioni contro la guerra
Lo ha reso noto il progetto mediatico a difesa dei diritti umani Ovd-Info. Almeno 2.667 arresti sarebbero stati effettuati nella sola giornata di ieri, 27 febbraio.

Ore 6.44 – Zelensky: parlato con Von der Layen dell’adesione dell’Ucraina alla Ue
Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha avuto una conversazione telefonica con la presidente della Commissione Europea Ursula Von der Layen in cui si parlato di decisioni concrete per il rafforzamento delle capacit di difesa dell’Ucraina, di assistenza macrofinanziaria e dell’adesione all’Ue. Lo rivela lo stesso Zelensky in un tweet.

Ore 6.25 – La Corea del Sud si unisce alle sanzioni contro la Russia
Lo ha reso noto l’agenzia di stampa Yonhap. Il ministero degli Esteri ha comunicato agli Usa il proposito sul blocco dell’export di materiale strategico verso Mosca e sulla esclusione delle banche dal sistema dei pagamenti Swift.

Ore 6.15 – Google Maps blocca due funzioni in Ucraina per non mettere a rischio la popolazione civile

Google Maps ha bloccato due funzionalit in Ucraina che forniscono informazioni agli utenti in tempo reale, nel tentativo di proteggere gli ucraini. Lo riporta il Kyiv Independent citando dichiarazioni della societ. Le funzionalit disabilitate includono la sovrapposizione del traffico in tempo reale di Google Maps e Live Busyness, una funzione che mostra eventuali concentrazioni di persone in una posizione in un momento dato.


Ore 5.30 – Rublo ai minimi storici, rinviata apertura Borsa di Mosca
La Borsa di Mosca aprir il suo mercato di scambio delle valute alle ore 10 antimeridiane di oggi, con tre ore di ritardo rispetto all’orario ordinario dei mercati Forex, in risposta al caos provocato dalle dure sanzioni finanziarie varate dall’Occidente contro la Russia a seguito dell’offensiva militare in Ucraina. Stamattina il rublo russo ha ceduto il 30 per cento, scivolando a119 sul dollaro. In sofferenza anche l’euro, che ha ceduto lo 0,76 per cento dopo l’annuncio delle sanzioni occidentali alla Russia, cosi’ come i dollari australiano e neozelandese.

Ore 4.53 – Il rublo crolla del 30% dopo le nuove sanzioni
Il rublo crolla con le nuove sanzioni sulla Russia, tra cui l’esclusione selettiva delle banche dal circuito dei pagamenti Swift, per l’invasione in Ucraina, cedendo quasi il 30% sul dollaro: sui mercati asiatici la valuta indicata in calo del 28% at 117.8170 sul biglietto verde nel trading offshore.

Ore 4.49 – Vertice telefonico Biden-Alleati per risposta unitaria a Russia
Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden sentir telefonicamente gli alleati, oggi (luned), per coordinare una risposta nella crisi ucraina. Lo fa sapere la Casa Bianca.

Ore 4.04 – Media ucraini: la Bielorussia sta per unirsi all’invasione russa
Vladimir Putin sta per trascinare il suo alleato bielorusso, Aleksandr Lukashenko, nella guerra di occupazione dell’Ucraina. La notizia riportata dal Kyiv independent, che cita fonti non precisate secondo le quali tra poche ore il primo aereo da trasporto Ilyushin Il-76 decoller con a bordo paracadutisti bielorussi da schierare contro l’Ucraina. Voci sul coinvolgimento della Bielorussia nella guerra hanno iniziato a circolare ieri – scrive l’edizione online del Kyiv independent – a seguito di un rapporto giunto agli ambienti diplomatici da anonimi giornalisti dell’opposizione bielorussa. Il messaggio suggeriva che le truppe bielorusse possano essere schierate nelle aree di Kiev o Zhytomyr, a sostegno dei soldati russi. Sempre ieri, un ex alto ufficiale bielorusso, Valeriy Sakhashik, in un discorso video ha esortato i militari bielorussi a non obbedire a ordini che li coinvolgerebbero in una guerra contro una nazione amica. Diverse migliaia di cittadini bielorussi si sono mobilitati contro la guerra in tutto il paese il 27 febbraio.

Ore 3.50 — Vertice tra Blinken e tutti i ministri degli Esteri del G7
Il segretario di Stato americano, Antony Blinken, ha parlato con i ministri degli Esteri del G7, cui si unito il ministro degli Esteri ucraino, Dmytro Kuleba, per discutere la risposta globale all’attacco premeditato, non provocato e ingiustificato della Russia all’Ucraina. Secondo quanto riferito dal portavoce del Dipartimento di Stato, Ned Price, il Segretario e i ministri degli Esteri del G7 hanno sottolineato a Kuleba la loro risposta unitaria all’invasione della Russia.

Ore 3.36 – Schizza ancora il prezzo del grano
I futures del grano negli Stati Uniti sono balzati di quasi il 7%, il pi grande rally in un giorno degli ultimi 10 anni, poich l’invasione russa dell’Ucraina ha frenato le forniture da una delle pi grandi regioni esportatrici del mondo. Il mais ha guadagnato oltre il 3% mentre la soia cresciuta del 2,4%. Al Chicago Board of Trade (Cbot) il contratto di grano pi scambiato aumentato del 6,8% a 19,18-1/4 dollari a bushel, dopo aver raggiunto il picco dell’8% a 9,35 a inizio sessione. Il mais aumentato del 3,2% a 6,77 per bushel e la soia del 2,4% a 16,23 dollari a bushel. Le esportazioni russe di tutte le materie prime, dal petrolio e ai metalli fino ai cereali saranno bruscamente interrotte per via delle nuove sanzioni occidentali, che infliggono un duro colpo all’economia russa e danneggiano l’Occidente con un aumento dei prezzi e dell’inflazione. Gli esportatori sono alla ricerca di fonti alternative di grano e mais, mentre l’invasione russa interrompe le forniture ucraine. I due paesi rappresentano circa il 29% del totale esportazioni di grano, 19% delle forniture mondiali di mais e 80% delle esportazioni mondiali di olio di girasole.

Ore 3.25 – Esplosioni a Kiev e Kharkiv nella notte
Nuove esplosioni si sono udite a Kiev e a Kharkiv poco dopo le 3 del mattino, dopo alcune ore di calma apparente. Lo afferma sul suo canale Telegram il servizio statale per le comunicazioni, secondo quanto riferito dalla Ukrainska Pravda. Secondo le stesse fonti un missile russo ha colpito un edificio residenziale nel centro di Chernihiv. L’edificio in fiamme ma ancora non si sa se e quante persone siano rimaste coinvolte.

Ore 3.04 – Zelensky: cruciali le prossime 24 ore
Le prossime 24 ore saranno cruciali per l’Ucraina: lo ha detto il presidente ucraino Volodymyr Zelensky in una conversazione telefonica con il premier britannico Boris Johnson. Lo ha fatto sapere lo stesso Zelensky su Twitter, aggiungendo di avere avuto anche una conversazione telefonica con la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen. Abbiamo parlato con il Primo Ministro Boris Johnson e il Presidente polacco Andrzej Duda dell’attuale situazione della sicurezza. Concordato ulteriori passi congiunti per contrastare l’aggressore. Coalizione contro la guerra in azione!, ha scritto nel post.

Ore 2.37 – Kiev: l’oligarca Medvedchuk, amico di Putin, fugge dagli arresti domiciliari
L’oligarca ucraino di origini russe Viktor Medvedchuk, vicino a Putin e considerato tra i possibili candidati alla guida di un governo fantoccio se la Russia dovesse conquistare Kiev, evaso dagli arresti domiciliari che stava scontando con l’accusa di alto tradimento per avere sostenuto le forze separatiste nel Donbass. Lo riporta il Kyiv independent. Medvedchuk, leader del partito Piattaforma di opposizione e imprenditore attivo in molti campi tra cui energia e media, molto vicino al presidente russo e ne rappresenta ufficiosamente gli interessi in Ucraina. Il suo legale ha detto che si trova in un posto sicuro a Kiev.

Ore 2.15 – La banca centrale russa vara piano di misure per cercare di mitigare l’effetto delle sanzioni
La banca centrale russa corre ai ripari e si affretta a gestire le ricadute delle pesanti sanzioni decise dall’Occidente nel fine settimana e annuncia una serie di misure per sostenere i mercati interni. La banca centrale ha affermato che riprender ad acquistare oro sul mercato interno, lancer un’asta di riacquisto senza limiti e facilit restrizioni sulle posizioni aperte in valuta estera delle banche. Ha anche aumentato la gamma di titoli che possono essere utilizzati come garanzia per ottenere prestiti e ha ordinato agli operatori di mercato di rifiutare le offerte dei clienti stranieri di vendere titoli russi.

Ore 1.53 – I future sui listini di Borsa europei sono in forte calo
Negative le indicazioni sulla riapertura delle piazze finanziarie europee, per effetto della drammatica evoluzione della crisi in Ucraina: l’Euro Stoxx 50 che perde il 3,3%.

Ore 1.46 – Bce: probabile fallimento per la filiale europea della banca russa Sberbank
La Banca Centrale Europea ha rilevato il fallimento o probabile fallimento della filiale europea della banca russa Sberbank, tra le maggiori del Paese, a causa di prelievi significativi di depositi a causa del conflitto in Ucraina e delle sanzioni imposte dai paesi Occidentali. Sberbank Europe AG, che ha sede in Austria, e le sue controllate in Croazia e Slovenia hanno
visto notevoli deflussi di depositi a causa dell’impatto delle tensioni geopolitiche sulla loro reputazione, spiega in un comunicato il supervisore bancario della Bce, ritenendo che nel prossimo futuro, la banca potrebbe non essere in grado di pagare i propri debiti o altri impegni alla scadenza.

28 febbraio 2022 (modifica il 28 febbraio 2022 | 09:56)



Reference-www.corriere.it

About the author

admin

Pioneer Jury is a qualified writer and a blogger, who loves to dabble with and write about technology. While focusing on and writing on tech topics, his varied skills and experience enable him to write on any topic related to tech which may interest him. [email protected]

Add Comment

Click here to post a comment